dal 17 giugno al 30 settembre

Il Monte Bianco è la vetta più alta delle Alpi e dell’Europa. La via normale del Dome du Gouter  come anche la traversata dei Tre Colli e la normale italiana sono degli itinerari che che, nonostante riservino difficoltà tecniche moderate, risultano essere delle salite impegnative per gli ambienti glaciali e severi che attraversano, per l’allenamento e per l’abitudine alla quota. Per affrontarle è comunque necessario possedere una buona tecnica individuale nell’utilizzo di ramponi e piccozza, passo sicuro lungo l’aerea cresta delle Bosses e un ottimo allenamento.


Vi sono appunto numerose vie che salgono alla cima e che possono essere considerate le ‘vie normali’. La più classica, e forse la più semplice, è quella che sale lungo il suo versante Sud-Ovest; in questo itinerario si può pernottare al Rif Tete Rousse e/o al Rif Gouter. Vi è poi la traversata da Nord verso Sud che parte dal Rif des Cosmiques superando il colle del Mont Blanc du Tacul e il colle del Mont Maudit seguendo un itinerario lungo e con qualche tratto tecnico soprattutto sul Mont Maudit. In ultimo, ma solo in senso cronologico, la salita dal versante italiano che sale al Rif Gonella per poi proseguire fino al Piton des Italiens, al Dome e quindi alla cima lungo un percorso impegnativo sia per gli ambienti che attraversa che per i tratti aerei di cresta.
Nel programma di seguito descritto vi proponiamo la salita dal Dome du Gouter, che è la più semplice,  ma la scelta finale dell’itinerario dipenderà dai vostri desideri edalle condizioni di percorribilità degli itinerari. Non vi sono differenze in termini di giornate, ma solo di impegno fisico e tecnico.
Normalmente il periodo migliore è dal mese di giugno a settembre ma vi può essere molta differenza da un anno all’altro.

INCLUSO NEL PREZZO
Servizi di Guida Alpina
Tutti i costi della Guida Alpina
Assicurazione recupero e primo soccorso
NON INCLUSO
Pernottamenti in Rifugio (Refuge du Gouter e/o Tete Rousse)
Vitto e alloggio in Chamonix
Viaggio, trasferimenti, impianti di risalita
Assicurazione personale viaggio e infortunio
RAPPORTO 1 : 2

 

Potrebbe piacerti anche ...

Prodotti correlati:

Di seguito il programma delle attività che svolgeremo. Tale programma è da intendersi indicativo in quanto le tre giornate ci permetteranno di scegliere e modulare al meglio le attività tenendo conto delle previsioni meteo, delle condizioni delle vie di salita e dell’allenamento e capacità dei partecipanti.


day 1

Ritrovo a Chamonix in mattinata, salita al Refuge du Gouter (o al Rifugio Tete Rousse)

day 2

Salita alla cima e discesa al Rifugio Tete Rousse

day 3

Rientro a Chamonix con il treno del Nid d’Aigle. E’ una giornata che può essere anche considerata extra per gestire al meglio la salita. Potrà venir utilizzata per ripartire al meglio gli sforzi della giornata o per risolvere problemi legati al meteo.

Materiali  necessari

Vestiario

  • Berretto, caldo e se possibile antivento
  • Buff  per il collo o come sottocasco
  • Giacca in “gore-tex” o simili (solo il guscio, senza imbottitura)
  • Giacca antivento in “Windstopper” o simili
  • Piumino leggero (in piuma o sintetico)
  • Second layer, caldo e traspirante
  • Intimo tecnico traspirante
  • Pantaloni da alpinismo non troppo pesanti e traspiranti
  • Calzettoni tecnici, non troppo pesanti
  • Guanti, 2 paia, uno leggero e traspirante per la salita e uno più pesante per la discesa

Attrezzatura tecnica

  • Imbracatura bassa
  • Casco
  • Scarponi da alta montagna (ramaponabili)
  • Ghette
  • Ramponi da tecnica classica
  • Piccozza classica (no piolet!)
  • Fettuccia cucita L = 120mm (oppure daisy chain)
  • Un moschettone piccolo a ghiera
  • Un moschettone HMS

Materiali vari

  • Zaino da giornata, 30/40 litri.
  • Occhiali da sole e maschera, protezione UV 100%
  • Crema solare, protezione 50
  • Bottiglia e/o thermos e/o camelbak, con capacità di 1/1,5 litri
  • Barrette energetiche
  • Macchina fotografica