La Farina del Diavolo

La Farina del Diavolo

Via ferrata a Villa Santina – Parete Radime

L’8 settembre verrà inaugurata la ferrata “La farina del Diavolo” sulla parete della Radime, opera realizzata su incarico del comune di Villa Santina da inMont snc, che ne ha curato, in collaborazione con l’ing. Carlotta Sadoch, la progettazione e la costruzione.

  

Per questo lavoro sono stati necessarie circa 150 giornate lavorative, 1300 fori, 450m di cavo suddivisi in 36 tratte, più di 300 fra gradini e pediglie, un ponte tibetano di 12 metri, il tutto ancorato con circa 80kg di resina. E ancor di più, tre cartolari di progettuali, i calcoli statici, una perizia geologica, l’analisi di impatto ambientale, il piano operativo di sicurezza e tante, tante dichiarazioni, domande, offerte, ordini, nonché decine di incontri, minuti, anzi ore ed ore al telefono, e poi centinaia di chilometri avanti e indietro fra casa e Villa Santina o Lauco.

   

E’ stato un grande impegno, lungo più di un anno, svoltosi in giornate soleggiate troppo calde, ed in altre molto fredde nel cuore dell’inverno. Abbiamo esplorato la parete, l’abbiamo ripulita dalle rocce instabili e dalla rigogliosa sterpaglia, ci siamo calati con zaini pesantissimi carichi di ferri, cavi, attrezzi, benzina, panini e coca cola, fermandoci per la “pausa pranzo” sulle varie cenge della ferrata e spostando “il cantiere” poco alla volta verso il basso. Abbiamo lavorato duramente, ma abbiamo anche scherzato e ci siamo divertiti. Soprattutto abbiamo visto nascere e crescere questo percorso, e ne siamo orgogliosi e soddisfatti.

 

 

 

Speriamo vi piacerà, qualche passaggio poteva essere fatto diversamente, qualcosa potrà essere modificato e corretto nel futuro. Noi ce l’abbiamo messa tutta, ma non eravamo soli. Ci hanno aiutato e supportato, al di là dei loro incarichi professionali, l’Ufficio Lavori Pubblici di Villa Santina nella persona di Stefano Scarsini, il Direttore Lavori Carlotta Sadoch, i Geologi Sandro Rota e Fabio Bosso, i fornitori, in primis Bruno Baroncini, ed ancora molti altri che magari solo per piccola parte hanno preso parte a questa avventura. Grazie davvero.

A voi che la vorrete percorrere raccomandiamo di divertirvi e di farlo nella massima sicurezza e con il dovuto rispetto dell’ambiente. Buona salita!

 

 

SHARE