7 giorni
4
4
Francia – Svizzera
2 min
20 aprile 2019

La traversata da Chamonix a Zermatt è uno dei più famosi itinerari di scialpinismo delle Alpi.
Dei vari percorsi che si possono seguire quello che attraversa il gruppo del Grand Lui è certamente il più completo e vario. Alterna tratti semplici in ampie vallate e su ghiacciai a giornate con parti più tecniche dove è richiesta una familiarità con l’uso dei ramponi e della piccozza. Il Col du Chardonnet, il Col de la Grande Lui e la salita al Plateau du Couloir sono i tre momenti più impegnativi della traversata. Per questa cavalcata sulle Alpi è necessario possedere buon allenamento e una buona tecnica di sci alpinismo.
Su questo percorso accompagneremo un massimo di tre persone per ogni Guida Alpina.

L’itinerario, partendo da Chamonix, attraversa il gruppo dell’Argentiere, il Plateau du Trient, il Grand Lui, segue la Val Ferret fino al Col du Grand St Bernard per aggirare il Mont Vélan e quindi risale sotto i bastioni del Grand Combin. Lungo il Glacier du Mont Durand e quindi il Glacier d’Otemma raggiunge la cima della Pigne d’Arolla che offre una vista entusiasmante sulle cime del Vallese. L’ultima cavalcata attraverso i tre colli, il Col de l’Eveque, il Col du Mont Brulé e il Col de Valpelline con la salita all’omonima cima, porta allo Stockjigletscher e quindi a Zermatt dove ha termine la nostra avventura.
Faremo quindi rientro a Chamonix con un servizio di taxi.

RITROVO Chamonix
ABBIGLIAMENTO E ATTREZZATURA Normale dotazione scialpinistica su percorso itinerante con notti in rifugio. Ramponi, piccozza, imbracatura e casco sono obbligatori. Si consiglia di ridurre al minimo le quantità di bagaglio per poter avere uno zaino non troppo pesante.
INCLUSO NEL PREZZO
Tutti i costi della Guida Alpina
Servizi di Guida Alpina
Assicurazione recupero e soccorso
NON INCLUSO
Risalita con gli impianti
Vitto e alloggio in valle all’inizio e al termine della traversata
Vitto e alloggio nei rifugi durante la traversata
Trasferimenti, ove necessari, compreso quello di rientro da Zermatt a Chamonix
Assicurazione personale infortunio
Tutto ciò che non è specificato alla voce ‘incluso nel prezzo’

 

 

 

Potrebbe piacerti anche ...

Prodotti correlati:

7 giorni
4
4
Francia – Svizzera
2 min

Chamonix - Cabane du Trient

Ritrovo ad Argentiere per salire con la prima cabina del Grand Montets. Da qui scenderemo al  Glacier d’Argentiere per risalire quindi al Col du Chardonnet. Dopo una discesa in corda doppia supereremo la Fenêtre de Saleina per raggiungere la Cabane du Trient dove pernotteremo.
Dislivello in salita 1.100m, dislivello in discesa 1.200m, 7-8 ore

Cabane du Trient - La Fouly

Aggireremo le Aiguilles Dorées per scendere, superando il Bivacco de l’Envers des Dorées, fino al Glacier de Saleina. Una salita che presenta un tratto ripido (ramponi e piccozza) ci permetterà di superare il Col de la Grande Lui, accesso al glacier de l’A Neuve. Ci aspetta una discesa fantastica fino al paese di La Fouly dove pernotteremo in una pensione.
Dislivello in salita 850m, dislivello in discesa 2400m, 7-8 ore

La Fouly - Col du Gran St Bernard

Durante questa giornata ci aspetta una piacevole salita lungo la Val Ferret (versante svizzero). Superati i Lacs de Fenêtre, la dorsale che segue ci permetterà di valicare verso il Col du Grand St Bernard. Il famoso ospizio ci ospiterà per la notte.
Dislivello in salita 1300m, dislivello in discesa 400m, 5 ore

Col du Grand St Bernard - Cabane de Valsorey

Seguendo la strada che scende verso le Lac des Toules (chiusa in inverno) reaggiungeremo Bourg St Bernard. Superati il Mont de Proz e la Croix de Tsousse una bella discesa ci porterà al cospetto del Grand Combin. Dalla piana denominata Les Grands Plans risaliremo al la Cabane de Valsorey dove pernotteremo.
Dislivello in salita 1.800m, dislivello in discesa 1.300m, 8-9h

Cabane de Valsorey - Cabane de Chanrion

Dal rifugio risaliremo il ripido pendio (ramponi e piccozza) fino al Plateau du Couloir, nei pressi del bivacco Biagio Musso. Superato anche il seguente Colle du Sonadon una lunga discesa ci permetterà di raggiungere la Cabane de Chanrion, il nostro rifugio per la notte.
Dislivello in salita 950m, dislivello in discesa 1.500m, 6-7h

Cabane de Chanrion - Cabane des Vignettes

Una dolce ma lunga risalita attraverso il ghiacciaio d’Otemma ci porterà alla Cabane des Vignettes. Da qui potremo risalire i pendii soprastanti fino a raggiungere la cima della Pigne d’Arolla. Faremo quindi rientro alla Cabane des Vignettes per la notte.
Dislivello in salita 1.500m, dislivello in discesa 850m, 6-7h

Cabane des Vignettes - Zermatt

Ci aspetta un’ultima fantastica giornata attraverso il Col de l’Evêque, Col du Mont Brulé e Col de Valpelline con la salita alla Tête de Valpelline per poi goderci una discesa lungo lo Stockjigletscher fino a Zermatt. Da qui in Taxi faremo rientro a Argentiére e quindi Chamonix.
Dislivello in salita 1.200m, dislivello in discesa 2.500m, 8-9h
7 giorni
4
4
Francia – Svizzera
2 min

Materiali  necessari

Vestiario

E’ una traversata che ci impegnerà per 7 giorni. Dormiremo in rifugi (ad eccezione di La Fouly e all’Ospizio del Gran San Bernardo dove avremo comunque la possibilità di rinfrescarci (differentemente nei rifugi non vi sarà acqua).

  • Berretto, caldo e se possibile antivento
  • Buff leggero e/o di lana per il collo e/o come sottocasco
  • Giacca in “gore-tex” o simili (solo il guscio, senza imbottitura)
  • Giacca antivento in “Windstopper” o simili
  • Piumino in piuma o sintetico
  • Second layer, caldo e traspirante
  • Intimo tecnico traspirante
  • Pantaloni da scialpinismo oppure fuseaux e pantaloni in goretex
  • Calzettoni tecnici
  • Guanti, 2 paia, uno leggero e traspirante per la salita e uno più pesante per la discesa

Attrezzatura da scialpinismo

L’attrezzatua standard da scialpinismo va benissimo. Raccomandiamo di preparare bene tutto il materiale, è un’appuntamento speciale! Perciò preparare gli sci (paraffina e lamine), verificare le pelli e la colla delle stesse, verificare i ramponi sugli scarponi da scialpinismo, e così via.

  •  sci da alpinismo + attacchi da scialpinismo
  • coltelli da neve
  • pelli di foca
  • scarponi da scialpinismo
  • bastoncini allungabili con rondelle grandi
  • casco
  • ramponi
  • piccozza con lacciolo
  • imbracatura
  • un moschettone a ghiera
  • una daisy chain (o cordino lungo) con moschettone a ghiera

Attrezzatura di sicurezza

Consiste nel kit Artva ed è composto da:

  • Artva (rice-trasmettitore per ricerca/segnalazione di travolti in valanga)
  • pala da neve
  • sonda da neve

Materiali vari

  • Zaino da 30/40 litri. Esistono zaini espressamente disegnati per lo scialpinismo che sono raccomandati per queste attività
  • Occhiali da sole e/o maschera, protezione UV 100%
  • Crema solare, protezione 50
  • Borraccia e/o thermos e/o camelbak, con capacità di 1/1,5 litri
  • Barrette energetiche
  • Macchina fotografica
7 giorni
4
4
Francia – Svizzera
2 min

Argentiére – Francia

7 giorni
4
4
Francia – Svizzera
2 min